Nel corso del primo trimestre 2018, si è verificata una significativa frenata per quanto riguarda gli investimenti immobiliari.

L’overview del mercato real estate emesso da Jong Lang LaSalle (Jll) quantifica in 1,6 miliardi di euro, gli scambi stimati in Italia, registrando un calo del 15% rispetto lo stesso periodo dello scorso anno.  

Questi dati certificano, la tendenza degli investitori immobiliari alla prudenza, derivante dall’incertezza dell’esito delle elezioni precedentemente al 4 Marzo, ed ora dall’attesa della formazione di un nuovo governo.

Come già riferito in un precedente articolo “la riqualificazione spinge il settore immobiliare la tendenza degli investimenti con oggetto immobili, è quella di valutare unità con destinazione differente all’abitazione classica.  

Infatti per quanto riguarda le unità immobiliari residenziali emerge uno scarso interesse dal punto di vista dell’investimento causato dalla forte pressione fiscale e dalla poca elasticità delle legge in materia di locazione.  

Un trend sicuramente maggiormente positivo invece riguarda le residenze studentesche, quelle destinate per gli anziani e le “Fast Rent” destinate a lavoratori in trasferta e/o turisti.  

Nonostante ciò Milano conferma un forte appeal in termini di investimenti immobiliari, attirando nel corso del primo trimestre 2018 ben il 28% di capitali

Per quanto riguarda gli immobili ad uso ufficio si è registrato un calo del numero di operazioni dovuto principalmente alla scarsità di offerta di qualità ed all’aumento dei prezzi. Il tutto abbinato ad una diminuzione dei relativi rendimenti, che raramente arrivano al 4%.

Per quanto riguarda questo comparto, sempre secondo Jll entro la fine del 2018 a Milano i prezzi sono destinati ad aumentare, sino a raggiungere i 600 Euro al metro quadro su base annuale.

Tra le operazioni immobiliari più prestigiose realizzate nel corso del primo trimestre 2018, il Quotidiano Immobiliare comunica l’acquisto da parte di Amundi di un pacchetto di negozi dislocati tra Roma e Milano, per l’importo complessivo di 210 milioni di Euro.