Secondo le previsioni di Scenari immobiliari, nonostante il numero di compravendite immobiliari è previsto in aumento, i prezzi resteranno pressoché invariati.

Le stime del fatturato proveniente dalle vendite di immobili per il 2018 è stimato in 125 miliardi di euro, il +5,6% in più rispetto il 2017.

Per quanto riguarda il 2019 si prevede un ulteriore aumento del fatturato immobiliare, che si attesterà a circa 131 miliardi di euro. 

Il comparto residenziale continua ad essere un mercato predominante. Infatti è di 93,1 miliardi di euro il fatturato realizzato nel corso del 2018 (registrando un aumento del 5% rispetto il 2017), per quanto riguarda le compravendite di civili abitazioni

L’incremento più significativo riguarda però il settore degli immobili commerciali, dove il fatturato registrerà nel 2018 un + 5,7% ed il +6,9% nel 2019.

Sono dati soddisfacenti per il settore immobiliare in Italia, nonostante la crescita rispetto agli altri paesi Europei risulta molto più limitata.

Infatti la crescita prevista in Italia, rispetto al 2014, del fatturato in ambito real estate, vede un incremento del 21,1%, rispetto la media Europea del 29,9%.

Le quotazioni immobiliari, registreranno probabilmente una lieve flessione a fine 2018, e saranno in leggero aumento nel 2019.  

Per quanto riguarda gli investimenti immobiliari,  si evince che sono soprattutto gli investitori privati a puntare sull’acquisto di civili abitazioni.

Infatti a Milano una casa su 4 è comprata ad uso investimento.

Gli investitori privati attualmente raramente preferiscono gli acquisti ad uso diverso dal residenziale a causa dell’attuale regime fiscale poco vantaggioso.