Per vivere in una casa più bella e molto più spaziosa di quella che si possiede a Milano, servono poco più di 900 euro al mese, quanto basta per finanziare con un mutuo il divario di prezzo tra un alloggio in cattivo stato da 55 metri e uno in ottime condizioni 30 metri più ampio.

A Milano, com’è scontato, i costi più alti e certo alla portata di pochi si registrano nel Centro storico: tra Cordusio e San Babila il cambio alle condizioni ipotizzate richiede quasi mezzo milione di euro, finanziabili con rate da circa 2.500 euro.

Un dato molto interessante riguarda una delle aree più trendy della città, l’Isola, dove la differenza di costo tra
le case che hanno ancora le caratteristiche ultrapopolari delle origini e quelle ristrutturate è molto elevata:
281mila euro, più di quello di zone che hanno valori immobiliari più alti ma più omogenei tra le varie tipologie.

Tra le seconda e la terza circonvallazione il gap tra la case usate e ristrutturate scende sotto i 200mila euro e arriva sotto i 100mila euro in periferia.

Inoltre è evidente come a livello generale, la domanda di sostituzione è sempre più importante, a Milano è addirittura superiore a quelle di primo acquisto.